Giò Alajmo, sabato 20 luglio 2013

  • Published in Press

Dopo il grande successo del vernissage di sabato 13 luglio, le sorprese non sono certo finite, anzi: il bello deve ancora venire.

Giò AlajmoSabato 20 luglio, infatti, avrà luogo la seconda conferenza-incontro con un altro grandissimo personaggio legato all’universo floydiano: Giò Alajmo. Alle ore 18:00 il celebre giornalista e critico musicale condividerà con fan e appassionati i ricordi personali di due straordinari eventi che hanno fatto la storia della musica: il live “The Wall” dei Pink Floyd a Dortmund, nel febbraio del 1981, e l’esibizione live di Roger Waters a Berlino nel luglio 1990. Da quest’ultimo, grandissimo evento, volto a celebrare la caduta di un celebre e triste muro di oppressione e divisione, è stato tratto anche l’album “The Wall - live in Berlin”.



A seguire, alle ore 21:00 si esibirà in un imperdibile concerto-tributo live la cover band Think Floyd.

La partecipazione alla conferenza con Giò Alajmo è gratuita, mentre per assistere al live dei Think Floyd è previsto un ingresso con biglietto responsabile da 10 euro.




PinkC’è un’altra, grande novità per i tantissimi appassionati che hanno apprezzato i pezzi unici in esposizione in questi giorni presso il Centro Culturale San Gaetano di Padova. Come detto, tra i temi che verranno affrontati con estremo piacere assieme a Giò Alajmo ci sarà lo straordinario concerto live dei Pink Floyd a Dortmund, nel 1981; proprio in quei turbolenti anni di ribellione e cambiamento la rock band usava portare sul palco un pupazzo rosa: “Pink” ovviamente era il nome di quella mascotte divenuta, in breve tempo, un’autentica “star” tra i fan floydiani e uno dei simboli più rappresentativi non soltanto della musica del tempo, ma anche del processo di rivoluzione sociale in atto in quel periodo storico.

Direttamente dal nord dell’Inghilterra, “Pink” si è aggiunto alla collezione Floydseum di reperti floydiani: l'incredibile cimelio è stato messo a disposizione da Mick Popper, un signore inglese che ha avuto la fortuna di lavorare assieme ai Pink Floyd nei tour di "The Wall" 1980/81 e che ha conservato gelosamente questo ed altri incredibili pezzi da museo.

“È un altro esempio delle potenzialità di Floydseum, che si fonda su un network di conoscenze e fidate amicizie in giro per il mondo che, potenzialmente, potrebbe metterci nelle condizioni di reperire qualsiasi cosa ci interessi avere per l'esposizione in mostra" afferma Alberto Durgante, Presidente dell'associazione. "Ci fa molto piacere riscontrare l'interesse del pubblico e l'entusiasmo dei commenti degli addetti ai lavori; speriamo adesso che qualche altra grande città ci metta a disposizione, magari anche per un periodo di tempo più ampio, degli altri spazi in modo da replicare la mostra e consentire a molti altri appassionati dei Pink Floyd di potersi emozionare vedendo quanto esposto".

La mostra Outside The Wall è aperta dal martedì alla domenica (chiuso il lunedì), con orario continuato dalle ore 10 alle 19. L’ingresso prevede un’offerta libera.